Il "tentativo di convalida": nuovo presupposto legittimante l’esercizio del potere di autotutela?